Assistenza clienti: info@pelletsenergy.it
Nuova offerta prestagionale: scade tra
giorni
ore
minuti
secondi

Benvenuto nel tuo carrello

Il tuo carrello è vuoto

CONTINUA LO SHOPPING

Combustione del pellet: tutti i consigli per non inquinare

Sempre più persone scelgono il pellet per riscaldare la propria casa, perché è una delle alternative migliori ai tradizionali combustibili non rinnovabili e dannosi per l’ambiente: la stufa a pellet è un’alternativa green, oltre che efficace, sicura ed economica.
Ma come facciamo a proteggere il pianeta semplicemente scegliendo di usare il pellet?  

Cos’è il pellet e come fa a funzionare

Per capire come fare del bene all’ambiente tramite l’utilizzo del pellet, è fondamentale soffermarsi prima di tutto sulla natura di questo biocombustibile e sulla sua produzione. Il pellet si ottiene a partire da una materia organica, la segatura di legno, che viene pressata e lavorata per farle assumere la caratteristica forma a cilindro del prodotto finito.
Il pellet non è nocivo per l’ambiente e può essere prodotto facilmente e a basso costo, utilizzando gli scarti di lavorazione del legno impiegato in agricoltura o in falegnamerie e segherie.

 

Negli ultimi anni, il pellet è entrato nelle case di moltissimi italiani, grazie ai suoi numerosi vantaggi. Una specie di magia ecosostenibile, ma ora sveliamo come funziona, passo dopo passo, questa combustione a bassissimo impatto, attraverso le sue quattro fasi principali.
  • Essiccazione ed evaporazione dell’acqua: il calore prodotto dalla combustione è talmente alto che fa evaporare l’acqua residua contenuta nel pellet;
  • Gassificazione: con l’aumento progressivo della temperatura, il pellet inizia a produrre gas;
  • Combustione del gas: in presenza di ossigeno, quando i gas prodotti nella fase precedente raggiungono la loro temperatura di accensione, si infiammano;
  • Formazione carbone: una volta che il pellet libera tutti i gas, rimangono solo alcune particelle di carbone che poi si spengono. Le ceneri prodotte da questo processo sono costituite principalmente da minerali, sabbia ed eventuali impurità presenti nella segatura. 
Questo processo di combustione si verifica però solo a determinate condizioni, ovvero:
  1. Che ci sia un adeguato rapporto tra pellet e ossigeno nella camera di combustione;
  2. Che avvenga un continuo processo di irraggiamento di calore (cioè trasferimento di energia) tra pellet già in fase di combustione e pellet "fresco" immesso all’interno della stufa.

Pellet: il cuore della combustione

Se il pellet non è di qualità, la combustione può causare danni alla stufa e al prodotto stesso, che non renderà al massimo del suo potenziale e potrà non essere più così "green". Per questo è fondamentale acquistare prodotti di qualità certificata e con un ottimo potere calorifico: in questo modo, senza accumuli di residui potenzialmente dannosi, l'impianto è salvo, ed è salvo anche il pianeta. 

 

Ti serve un consiglio per scegliere pellet di qualità?
Vieni a scoprire i prodotti che abbiamo selezionato per te sul nostro e-shop

Grazie alla cura per l'ambiente e la qualità che guida il nostro team di professionisti del settore, abbiamo creato una selezione di prodotti che ti garantiscono di sfruttare al massimo il potenziale del legno, senza sprecare dunque il tuo denaro, e di non produrre residui tossici, tutelando così anche l'ambiente. 
La tua stufa, il tuo portafogli, e il nostro pianeta sono al sicuro! Vieni a scoprire i pellet di qualità certificata a livello europeo sul nostro e-shop, cliccando qui